SEOWeb DesignWordPress Design

La SEO e l’arte di farsi trovare

Probabilmente hai sentito parlare di ottimizzazione SEO e sai che si tratta di farsi trovare da Google e dagli altri motori di ricerca, forse però non sai nello specifico di che cosa si tratta; questo articolo può fornirti una infarinatura per introdurti all’argomento, ormai imprescindibile per ogni progetto web.

La SEO e l'arte di farsi trovare

SEO è l’acronimo di Search Engine Optimization, letteralmente in italiano: ottimizzazione per i motori di ricerca, in parole povere la SEO è quell’insieme di operazioni e tecniche che consentono ad un sito di essere più visibile su Google o su gli altri motori di ricerca, semplificando ancora di più si può dire che facendo una buona  SEO si può contribuire in maniera importante alla comparsa del sito tra i primi posti nelle pagine dei risultati (SERP).

Ottimizzare il proprio sito comprende un insieme di attività, diverse ma interconnesse tra loro. Uno degli aspetti più noti è l’utilizzo e ottimizzazione delle parole chiave, ma la SEO non si limita a questo.

La SEO può essere suddivisa in tre macro aree, ciascuna delle quali si concentra su un settore diverso: l’on-site, on-page e l’off-page. Vediamole più in dettaglio.

SEO off-site

Questo aspetto della SEO è legato a tutte quelle attività che stanno al di fuori del sito per portare traffico e utenti su di esso da altri siti, insomma i link in entrata. Il motore di ricerca tiene molto in considerazione il fatto che il sito venga linkato da altri siti, ma se nel passato la questione era legata quasi esclusivamente al numero di link, oggi la faccenda si è sviluppata in maniera diversa: il motore di ricerca non solo considera i link ma è in grado di riconoscere, tramite algoritmo, la qualità di un sito che ne linka un altro, e quindi riesce a riconoscere la spontaneità dei link.

Le attività principali dell’off-site si chiamano link building e link earning.

Il link building consiste nell’insieme di pratiche per ottenere link, anche non spontanei ed utilizzando tecniche poco ortodosse, come lo scambio di link o lo spam, le quali però vengono oggi ben riconosciute e molto penalizzate da Google.

Il link earning invece è la tecnica volta a costruire una rete di link spontanei e di qualità, su siti autorevoli. Molto efficace, questo obiettivo non è facile da raggiungere, è sicuramente necessario produrre contenuti di alto livello e assolutamente originali, affinché vengano apprezzati dagli utenti e condivisi in maniera spontanea.

SEO on-site

La SEO on-site è il complesso delle attività volte all’ottimizzazione del sito in generale, del dominio, quindi efficaci su ogni pagina. Per un sito sono molto importanti aspetti quali prestazioni, velocità, sicurezza, usability. Tra le varie è molto importante anche quale hosting ospita il sito, perché il server che viene utilizzato influenza molto aspetti come la velocità di caricamento delle pagine oppure la sicurezza. Inutile dire che una parte fondamentale la possiede anche il CMS che viene utilizzato, ed i suoi eventuali plug-in. 

SEO on-page

La SEO on-page è l’ottimizzazione di ogni singola pagina del sito, per farla uscire nel migliore dei modi nella serp, la famosa pagina dei risultati del motore di ricerca. Di questa macro area fanno parte l’impostazione delle parole chiave da utilizzare, della meta description (cioè la frase introduttiva che appare nella SERP sotto ogni indirizzo web), il tag Title (quel codice che specifica al motore di ricerca il titolo di una determinata pagina, che dovrà includere le parole chiave). Oltretutto i browser non sono ancora in grado di capire il contenuto di una immagine, è quindi necessario inserire in esse l’Alt Text, un testo che ne spieghi il contenuto. Dentro una pagina poi è bene utilizzare anche i tag Head, fondamentali per spiegare il contenuto della pagina sia agli utenti che al motore di ricerca.

Da tutte le informazioni che vi abbiamo fornito in questo articolo è facile intuire come oggi la SEO sia una disciplina fondamentale nella costruzione e gestione di un sito web. La SEO è una materia piuttosto complessa, che implica conoscenze e competenze specifiche a più livelli, infatti il SEO Specialist è diventato un lavoro molto quotato e di fondamentale importanza.

Un plug-in fondamentale

Esistono plug-in che permettono di raggiungere una buona ottimizzazione dei contenuti, uno dei più conosciuti è Yoast SEO per WordPress, una estensione installabile appunto solo su siti in WordPress che permette di scrivere articoli realmente strutturati per la SEO. Strumento utilissimo per ottimizzare molteplici aspetti SEO ed conquistare posizioni sulle pagine dei risultati di Google.
C’è una precisazione da fare su Yoast SEO, questa estensione non può modificare le pagine e neppure i contenuti testuali di un sito, bensì analizza le pagine  e gli articoli  suggerendo come intervenire per ottimizzarli rispettando delle linee guida dettate dal motore di ricerca, per ottenere appunto il miglior posizionamento.

Yoast SEO è un’estensione comprensibile e utilizzabile anche da persone non esperte, tuttavia se lo si vuole sfruttare al meglio per l’ottimizzazione del proprio sito web sarà sicuramente utile rivolgersi ad un professionista in grado di impostare il lavoro in maniera ottimale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *